analisi dinamica

Analisi dinamica

L'analisi dinamica ha lo scopo di valutare i parametri modali caratteristici di una struttura al fine di identificare in essa: la risposta dinamica (in termini di frequenza), gli spostamenti modali e gli smorzamenti. È applicabile rispettando la Normativa vigente NTC 2018 (§ 7.3.2). 

Essenzialmente, esistono due modalità di operare in campo sperimentale:

  • L'analisi modale sperimentale (EMA)
  • L'analisi modale operazionale (OMA)

La differenza tra i due metodi è legata alla possibilità di rilevare la forzante.

Nell'analisi modale sperimentale (EMA), si misura la forzante e le risposte strutturali, per determinare la funzione di risposta in frequenza (FRF). Questa, fornisce la risposta strutturale normalizzata rispetto alla forzante. Inoltre, è un’analisi adatta alle strutture di piccole dimensioni, poiché facilmente eccitabili con sistemi dotati di celle di carico (funi, catene, solai, travi, colonne).

Nell'analisi modale operazionale (OMA), a differenza dell'analisi Input-Output (I-O), consente il rilievo dinamico senza l'uso di forzanti e riesce a adattarsi alle situazioni, purché venga attuata una campionatura lunga in termini di tempo.

In definitiva, l'analisi dinamica consente di eseguire:

  • degli approfondimenti in fase conoscitiva
  • di superare le difficoltà legate allo studio del grado di vincolo, dei parametri di fondazione e del contributo degli elementi secondari
  • di ottenere un livello di conoscenza (LC) elevato