georadar

Georadar

Il metodo GEORADAR o G.P.R. (Ground Probing Radar), è un particolare sistema di indagine geofisica idonea alle basse profondità del sottosuolo. Si basa sulla generazione di onde elettromagnetiche (radiofrequenze) a bassa frequenza (per una maggiore penetrazione) oppure ad alta frequenza (per una migliore risoluzione e qualità dell’immagine radar). Queste, vengono inviate nel terreno con il fine di registrare le discontinuità dei segnali riflessi, in relazione al tempo impiegato per ritornare al ricevitore. Le durate e le ampiezze sono funzione dell'interfaccia di separazione dei differenti materiali dielettrici (isolanti). Nel dettaglio, la strumentazione è costituita da antenne emittenti e riceventi che, a seconda della frequenza di esercizio, possiedono diversi valori di portata e risoluzione. Ne deriva che, un aumento della frequenza genera un incremento della risoluzione ma, al contempo, una diminuzione della profondità di esplorazione.

Il metodo GEORADAR o G.P.R.  è utilizzato per: 

  • Indagare strutture nascoste, cavità e sottoservizi
  • Ricercare danni strutturali e posizioni di armature
  • Dedurre gli spessori di rivestimento gallerie, etc. 

Esso, vanta rapidità nell’esecuzione e non di elaborazione. Ulteriore aspetto da non sottovalutare, è quello di non garantire sufficiente attendibilità, in presenza di materiali aventi buona conducibilità elettrica (acqua, terreni argillosi, ecc.).

 

GEORADAR

OBIETTIVI DELLA PROVA

Il metodo GEORADAR o G.P.R. può essere utilizzato sia per effettuare analisi orizzontali (sottosuolo, pavimenti) che per analisi verticali (strutture murarie).

L’obiettivo dell’analisi orizzontale è quello d’individuare:

  • le strutture sepolte (di tipo archeologico ad es.)
  • i sottoservizi (condotte, cavi, sistemi di reti in genere)

L’obiettivo dell’analisi verticale è quello di individuare:

  • le anomalie del manufatto (porte murate, interventi di restauro). 

La metodologia consente, altresì, di definire lo stato generale delle strutture in calcestruzzo, muratura e pietra.

MATERIALI ISPEZIONABILI E TEMPI DI ESECUZIONE

Il metodo GEORADAR o G.P.R. è applicabile a qualsiasi mezzo denso a bassa conducibilità elettrica, come ad esempio: 

  • Il sottosuolo
  • Le strutture murarie
  • Il calcestruzzo
  • I manufatti

L'indagine si configura come prova non distruttiva (PnD) e, quindi, non invasiva.

I tempi vantano estrema velocità di esecuzione permettendo anche, tempistiche modeste per l'analisi di strutture aventi notevoli dimensioni.

RIFERIMENTI NORMATIVI

I riferimenti normativi sono:

  • Legge 5 Novembre 1971 n. 1086 
  • D.M. 11/03/1988 
  • UNI EN 380:1994
  • D.M. 09/01/1996
  • Raccomandazioni della Norma RILEM TC 127 -MS D.3